Venezuela, russo Lavrov discute con omologa canadese. Guaidò ottimista su fine regime

  • Print

Il ministro degli Esteri russo Sergej Lavrov ha tenuto una breve discussione sul Venezuela con la sua controparte canadese Chrystia Freeland (i due al centro, nella foto d'apertura) prima dell'undicesimo incontro ministeriale del Consiglio artico in Finlandia, a Rovaniemi. I giornalisti hanno sentito Lavrov dire alla Freeland che la Russia era in contatto con il Gruppo di Lima e il Gruppo di contatto internazionale sulla situazione in Venezuela. Il ministro russo ha anche scambiato ieri ulteriori brevi osservazioni col segretario di Stato americano Mike Pompeo, prima dell'incontro.

La Russia difende il presidente chavista Nicolas Maduro mentre Canada e Stati Uniti riconoscono, con un altra cinquantina di Paesi (Italia esclusa), il presidente ad hinterik Juan Guaidò. Quest'ultimo, molto attivo in questi giorni nell'"Operazione libertà" con scarsi risultati, ha dichiarato da Caracas: "Siamo molto vicini al cambiamento in Venezuela, sono molto ottimista". Alcuni di quelli che si erano detti pronti a seguire il suo appello per dar vita a una rivolta militare contro Maduro "non hanno mantenuto la parola", ha aggiunto Guaido che poi ha precisato: "Questo non significa che non lo faranno presto".

e-max.it: your social media marketing partner