Kagame (Ua): 'Meno il mondo si cura dell'Africa, più ci sarà sviluppo'

L'Africa "deve comprendere che il tempo del babysitteraggio è finito" e che non ci sarà mai sviluppo se continua a pensare di "aver bisogno di europei, americani, asiatici o altri babysitter": è quanto ha detto Paul Kagame, (nella foto d'archivio del 2009, con l'ex presidente del Sudafrica Nelson Mandela), presidente del Ruanda e dell'Unione Africana, in un'intervista al settimanale "Jeune Afrique" (Giovane Africa), che ha sede centrale a Parigi (Francia). "Meno il mondo si preoccupa di noi, più diventiamo capaci di prenderci cura di noi stessi", ha sottolineato Kagame. 

Nato nel 1957 a Tambwe in una famiglia di etnia tutsi, Kagame ha avuto un ruolo militare fondamentale nella fine del terribile genocidio che la sua etnia ha subito dagli hutu durante la guerra civile in Ruanda nel 1994, dove furono sterminati quasi un milione di tutsi e hutu moderati.

e-max.it: your social media marketing partner

 

JT Fixed Display

 

=