Mariangela Zappia nuova ambasciatrice italiana all'Onu. Ricevuta da Guterres

L'ambasciatrice Maria Angela Zappia Caillaux è la nuova "rappresentante permanente" dell'Italia alle Nazioni Unite (Onu), che ha sede a New York (Stati Uniti). La Zappia, mantovana, ha presentato ieri le lettere credenziali al segretario generale Antonio Guterres. Durante l'incontro con Guterres (portoghese), la diplomatica italiana ha evidenziato la priorità assegnata dall'Italia a un multilateralismo efficace, al ruolo del "Palazzo di vetro" per la pace e la sicurezza internazionali e quale pilastro di un sistema internazionale fondato sul diritto e sul rispetto della persona.
"Con questa convinzione, l'Italia contribuisce all'azione dell'Onu a 360 gradi e continuerà a farlo ponendo al centro i temi per noi prioritari: pace e sicurezza, diritti umani, sviluppo sostenibile, migrazioni", ha affermato la Zappia ricordando che il nostro Paese è ottavo contributore al bilancio Onu, primo contributore di caschi blu tra i paesi occidentali, e che ospita numerose agenzie e centri dell'Onu tra cui il polo alimentare a Roma (Fao, Pam, Ifad), il centro logistico di Brindisi e lo Staff College di Torino.

"Nell'attuale fase complessa delle relazioni internazionali, la diplomazia svolge un ruolo ancora più fondamentale", ha spiegato la Zappia - successore di Sebastiano Cardi - sottolineando l'importanza del "surge in diplomacy" promosso da Guterres. La neo "rappresentante permanente" di Roma ha reiterato il forte sostegno dell'Italia alla riforma delle Nazioni Unite e, in questa cornice, all'accento posto dal segretario generale sulla prevenzione delle crisi, sulla soluzione politica dei conflitti e sul consolidamento della pace.

"Sicurezza, diritti e sviluppo sono fattori inscindibili per assicurare pace e stabilità e per affrontare le sfide che caratterizzano oggi i principali archi di instabilità, dal mar Mediterraneo, al Medio Oriente, al Sahel. L'impegno dell'Italia è per un approccio che integri questi elementi e che veda la comunità internazionale agire unita, sotto la guida dell'Onu, secondo principi di solidarietà e responsabilità condivisa".

La Zappia ha inoltre condiviso gli obiettivi di inclusione e pieno riconoscimento del ruolo delle donne nei processi di pace e sviluppo ed espresso sostegno all'azione di Guterres a favore della parità di genere in ogni ambito d'azione e settore del sistema Onu.

La nuova rappresentante italiana all'Onu è stata rappresentante al Consiglio Atlantico della Nato a Bruxelles (prima donna a ricoprire tale incarico), nel periodo 2014-2016, per poi diventare consigliere diplomatico della Presidenza del Consiglio dal 2016 fino a luglio scorso.

e-max.it: your social media marketing partner

 

JT Fixed Display

 

=