Venezuela, vescovo di Maracay: “Non c’è pace senza dialogo e giustizia”

"Tutto ciò che riguarda la pace deve basarsi principalmente sulla volontà di dialogo da entrambe le parti, uno dei passi da fare per avere la pace è proprio accettare le differenze e fare uso della buona volontà". Sono parole di monsignor Rafael Ramon Conde Alfonzo (foto), vescovo della diocesi di Maracay, in Venezuela.

Il prelato è preoccupato sulla situazione nazionale che non cenna a placarsi. La sua nota è stata affidata all'agenzia Fides. "Ci sono diversi elementi che devono essere presi in considerazione se si vuole veramente la pace in Venezuela - prosegue il vescovo - Occorre partire dal fatto che tutti noi abbiamo diversi modi di pensare ed entrambe le parti devono accettare questa realtà. Per avere la pace ci deve essere la giustizia, perché non può esserci la pace, se non c'è la giustizia". Purtroppo il clima di violenza in Venezuela non si ferma: ieri negli scontri è morta un'altra persona a Merida. Diversi sindaci dei comuni vicini alla capitale hanno denunciato alla stampa l'intervento violento della polizia contro la popolazione che manifestava, avvertendo che ormai stanno perdendo autorità per poter controllare le proteste. Circa un mese di manifestazioni in tutto il territorio venezuelano hanno causato 21 morti, mentre il presidente Nicolas Maduro ha convocato un terzo incontro per mercoledì prossimo.

e-max.it: your social media marketing partner

 

JT Fixed Display

 

=