Cram, Caramanico replica a Chiodi su bilancio e ByAbruzzo (1)

  • Print

Non si placano le reazioni alle dichiarazioni del governatore abruzzese Gianni Chiodi sul Cram. Dopo quella dei tanti abruzzesi nel mondo del Cram, finalmente è la volta di un esponente dell'opposizione: ''Il presidente della Regione Abruzzo, a proposito del Cram, non ha perso l'occasione per dimostrare la sua ignoranza e la sua irresponsabilità''. E' quanto afferma, in una nota, Franco Caramanico consigliere regionale di Sel e dello stesso Cram, che aggiunge: "Chiodi farebbe meglio a parlare del suo operato, dei 450 milioni di debito, della sanità allo sbando, della sua maggioranza che ormai da oltre un anno non riesce ad assicurare nemmeno la presenza in aula.

"Del resto - evidenzia - se in base ai sondaggi è all'ultimo posto nella graduatoria di apprezzamento dei presidenti delle Regioni, c'e' un motivo. Chi gli ha impedito di fare chiarezza sulla sede del Brasile che rappresenta un punto di riferimento importante per la promozione dei nostri prodotti alimentari nel mercato sudamericano? - chiede - Capisco che all'inizio della legislatura ha potuto prendere una cantonata parlando di 'chiusura di una sede regionale' (che regionale non era) ma insistere appare imbarazzante. Offendendo il Cram, Chiodi offende la storia dell'emigrazione, la storia del nostro Paese. I nostri emigranti non chiedono soldi - fa notare Caramanico - non hanno ricevuti soldi, si sono adoperati per primi per dare il loro contributo per la ricostruzione dell'Aquila (con oltre 10 milioni di euro). Chiodi, anziché denunciare gli sperperi per i viaggi, avrebbe l'obbligo e il dovere di far riferimento a fatti precisi - ammonisce - Potrà rendersi conto che, per partecipare a una riunione con i nostri corregionali in Svizzera, grazie anche allo spirito di abnegazione dei dirigenti regionali, abbiamo speso solo 150 euro (benzina e panini). Purtroppo Chiodi non si rende conto che oggi siamo di fronte ad una nuova emigrazione - rileva il Consigliere Sel - Che oggi siamo noi che abbiamo bisogno della collaborazione delle nostre associazioni all'estero, le quali rappresentano un punto di riferimento per i nostri figli che in Abruzzo non riescono a trovare un'occupazione. La mia non vuole essere la presa di posizione di un consigliere di minoranza - puntualizza - ma lo sfogo di chi è stato segnato dal fenomeno dell'emigrazione, essendo mio nonno e mio padre emigranti in Germania. Le dichiarazioni di Chiodi sono quelle di un personaggio che, oggi, illegittimamente continua a ricoprire l'incarico di Presidente della Regione Abruzzo - conclude Caramanico - e che irresponsabilmente si presenta come un moralizzatore della politica, senza rendersi conto che sta distruggendo la nostra terra''. (segue)

e-max.it: your social media marketing partner