Emilia-Romagna: fondi per laureati all'estero e riunione Consulte emigrati

  • Print

La Consulta regionale degli Emiliano-romagnoli all'estero ha finanziato anche quest'anno il Bando per l'attribuzione a giovani laureati non residenti in Italia di finanziamenti per frequentare Master universitari nel prossimo anno accademico 2014-2015.

Il bando è destinato a giovani emiliano-romagnoli per origine o per residenza che intendano frequentare master universitari attivati dalle Università con sede in Emilia-Romagna. Saranno rimborsate le spese per l'iscrizione al Master, il costo del viaggio in Italia, spese per l'acquisto di libri e cancelleria, fino ad un massimo di ottomila euro. Sarà inoltre concesso l'alloggio presso una delle residenze universitarie gestite da Er.Go. e buoni pasti per il valore di 200 euro. Le domande saranno valutate sulla base del voto di laurea conseguito dallo studente, dall'attestazione della conoscenza della lingua italiana e da altri titoli di studio universitati conseguiti. Per tutte le informazioni, bando e modulistica cliccare qui.

Silvia Bartolini (foto), presidente della Consulta degli emiliano-romagnoli nel mondo, in qualità di coordinatrice nazionale, ha convocato per il 7 marzo (ore 10) in Regione la riunione delle Consulte regionali italiane. All’ordine del giorno: l’ultimazione del lavoro sulla banca dati delle Associazioni d'Italiani nel mondo 2013 e le proposte per la sua presentazione pubblica; la ricerca sulle politiche per gli italiani all’estero realizzate dalle Regioni di cui si sta occupando l’economista Maurizio Grassi (che sarà presente alla riunione) per conto del Coordinamento delle Consulte e della Fondazione Migrantes. La ricerca sarà pubblicata in estratto nel Rapporto Migrantes 2014 e nella sua completezza successivamente. Inoltre, la creazione di una pagina Facebook del Coordinamento per diffondere in rete le informazioni a supporto della nuova migrazione giovanile; il progetto per Expo 2015 che sarà illustrato da Roberto Arditti, direttore Affari istituzionali della società Expo Milano 2015, volto a fare del 2015 l’anno del viaggio in Italia per tutti gli italiani ‘di fatto’, ovvero quelli che vivono nel mondo, e sono decine di milioni”, come ha spiegato in un precedente incontro a Milano l’ex sottosegretario a Expo Maurizio Martina, attuale ministro delle Politiche agricole. Per i presidenti di Consulte e funzionari degli uffici regionali impossibilitati a raggiungere Bologna, è previsto il collegamento in videoconferenza.

e-max.it: your social media marketing partner