Rosalia Di Fabio: "Ecco le prove che mio fratello non era all'isola di Margarita"

  • Print

Rosalia Di Fabio, sorella di Giuseppe, il politico abruzzese residente in Venezuela, arrestato lo scorso fine settimana, prova il fatto che la mattina di domenica 2 febbraio scorso il fratello non era all'Hotel Venetur di Margarita a protestare contro la squadra cubana di baseball ospite ma a centinaia di chilometri di distanza.

 

"Mio fratello è partito per Cantaura (nel continente, vicino Puerto la Cruz, ndr) giovedì 30 gennaio con il volo delle 12 ed è tornato a Margarita domenica sera del 2 alle 22". Giuseppe Di Fabio, 26 anni, ha partecipato alla Fiera di Cantaura, dove è stato pure intervistato la sera del 1° febbraio da una tv venezuelana, come si vede da questo video sotto pubblicato su Youtube. Giuseppe è il terzo intervistato e dice in spagnolo: "Buona sera, mi chiamo Giuseppe Di Fabio, rappresentante dello Stato Nueva Esparta (di cui fa parte l'isola di Margarita, ndr), orgoglioso di essere qui, orgoglioso d'essere in questa terra di Cantaura, in questa fiera che sicuramente è una delle migliori del Venezuela e sicuramente continueremo contando col sostegno a questo sport nazionale, lo sport dei 'toros coleados' (rodeo, ndr), dando tutto il sostegno necessario. Andremmo dovunque per continuare a praticare questo sport, continuando a portare in alto il nome dello stato Nueva Esparta, anche se questo sport è un po' in crisi ma noi continuiamo a uscire e continuare a conquistare altri spazi". Rosalia ha fatto appello al Quirinale e alla Farnesina affinché facciano richiesta al governo venezuelano di scarcerare Giuseppe, perché, dice la sorella, è evidentemente "un prigioniero politico". 

e-max.it: your social media marketing partner