Christian Corsi: "Ci vuole un rapporto più stretto tra università e imprese"

  • Print

Nel modulo di attualità della puntata "Per non arrendersi", abbiamo trattato il rapporto tra l'istruzione e il mondo del lavoro. In dieci anni vi è stata una flessione pari al 17% di giovani iscritti alle Università. Nonostante questo dato piuttosto allarmante Christian Corsi, docente di Comunicazione d’impresa all’Università di Teramo, ha ribadito la qualità dell’università pubblica italiana.

Tra i fattori che hanno determinato la crisi degli ultimi anni, secondo il parere del professore, c'è lo scarso investimento del nostro Paese in formazione e ricerca. "Il nostro sistema universitario è eccellente, abbiamo un'ottima università pubblica - ha detto Corsi - Il nostro Paese non ha supportato con energia e forza gli studenti all'iscrizione con borse di studio o prestiti". Non a caso, anche nel mondo delle imprese la ricerca permette di creare valore aggiunto: le aziende che hanno fatto più formazione hanno resistito meglio all'urto della crisi economica. Oggi che ci sono sempre meno posti di lavoro e rischiamo di mandare le nostre migliori risorse all'estero, "ci vuole un rapporto più stretto tra università e imprese" ha concluso il nostro ospite. (Antonella Allegrino)


e-max.it: your social media marketing partner