Argentina, figlio di 'desaparecidos' ritrova famiglia biologica dopo 40 anni

Un uomo i cui genitori furono rapiti dagli agenti dei servizi segreti argentini nel 1977, durante la dittatura militare, ha potuto riabbracciare la sua famiglia biologica. Javier Darroux Mijalchuk aveva appena quattro anni quando suo padre e sua madre, incinta, sparirono a Buenos Aires. Fu in seguito adottato da una famiglia che non era a conoscenza del suo passato. Pochi anni fa, però, ha iniziato a dubitare della sua vera identità e ha chiesto aiuto all'organizzazione Nonne di Plaza de Mayo, guidata da Estela Carlotto (nella foto è a sinistra di Darroux, abbracciato dalla sua famiglia), anche lei fortunata ad aver ritrovato suo nipote alcuni anni fa. Il gruppo cerca di rintracciare i figli dei dissidenti uccisi o scomparsi ("desaparecidos") durante la dittatura militare argentina, dal 1976 al 1983, e li mette in contatto con le famiglie biologiche. Darroux è il 130mo bambino che l'organizzazione ha identificato, dopo aver compiuto gli esami del dna.

e-max.it: your social media marketing partner

 

JT Fixed Display

 

=