Brasile, per Bolsonaro 'bugie' dati deforestazione Amazzonia di suo ente spaziale

Il presidente brasiliano Jair Bolsonaro ha accusato l'Istituto nazionale di ricerca spaziale Inpe del suo Paese di mentire sulla velocità di deforestazione in Amazzonia sottolineando che l'istituto sta danneggiando la reputazione del Paese all'estero pubblicando dati che mostrano il forte incremento di tale processo. I commenti di Bolsonaro - riporta la tv britannica Bbc - giungono all'indomani della diffusione dei dati preliminari dei satelliti da parte dell'Inpe hanno evidenziato che più di mille chilometri quadrati della foresta pluviale erano stati rasi al suolo nei primi 15 giorni di luglio - con un aumento del 68% rispetto all'intero mese di luglio 2018. Il presidente di estrema destra ha dichiarato di voler incontrare il direttore dell'agenzia, Ricardo Magnus (nella foto a fianco, è a sinistra di Bolsonaro), per discutere la questione. L'Inpe sostiene che i suoi dati sono accurati al 95%.

In un incontro con giornalisti stranieri, Bolsonaro ha affermato che i dati "non riguardano la realtà". Gli scienziati hanno sottolineato che l'Amazzonia ha registrato un'accelerazione nella deforestazione da quando Bolsonaro è entrato in carica a gennaio, con politiche che favoriscono lo sviluppo rispetto alla conservazione. Essendo la più grande foresta pluviale del mondo, l'Amazzonia è anche un deposito di carbonio vitale che rallenta il ritmo del riscaldamento globale.

e-max.it: your social media marketing partner

 

JT Fixed Display

 

=